mercoledì 1 febbraio 2017

Stop all’amianto / le fibre ti possono uccidere

una guida alle bonifichein collaborazione con Afeva Onlus e ASL Alessandria.

DOVE
L’amianto è stato ampliamente utilizzato fino al 1992 in edifici di vario tipo
e in molti usi compresi
Ad esempio i tetti dei capannoni, in casa nei tetti e in pannelli, canne fumarie,
isolanti e in pavimenti.
Possiamo ancora oggi entrare in contatto con questi manufatti e anche con
i polverini utilizzati nei sottotetti e nei cortili o anche in luoghi pubblici

COME

Se si sospetta la presenza di materiali con fibre d’amianto, anche se appaiono
In buono stato devono essere fatti analizzare da laboratori specializzati.
INFO: Contattare ARPA (azienda regionale per la protezione ambientale) sede di Casale in Corso Indipendenza, 39; inoltre bando e modulistica scaricabili dal sito del Comune o in formato cartaceo  presso Ufficio Amianto, all’interno dell’ Ufficio Ambiente)
Le bonifiche sono senza costi per il polverino, contributo del 50% per la rimozione delle coperture.

PERCHÉ
Le fibre di amianto sono un pericolo serio per la salute. Non vanno inalate.
A seguito di inalazione possono insorgere malattie gravissime come il mesotelioma
E altri tumori. Malattie che compaiono dopo decenni dall’aspirazione.

COSA
Per risanare gli edifici dai manufatti di amianto vi sono modalità e protocolli che
Devono essere effettuate da ditte e personale specializzato per evitare ogni minima dispersione di fibre nell’aria ed esporre chi lavora e chi vive vicino alle possibilità di ispirazione.

COME
Chiunque rimuova amianto deve essere protetto secondo le norme da speciali protezioni
anti fibre, non sottovalutando un pericolo così subdolo e poco apparente.

QUALI
Tutto quanto viene rimosso deve essere smaltito nell’apposita discarica dedicata a Casale per questo tipo di rifiuti pericolosi.

COSA
Chi oggi non procede con gli aiuti pubblici che sono disponibili con bando apposito

(Vedi bando e modulistica scaricabili dal sito del Comune o in formato cartaceo  presso Ufficio Amianto, al’interno dell’ Ufficio Ambiente)  perde oggi un’occasione irripetibile, essendoci le risorse disponibili, e inoltre può causare danni alla salute sua, dei suoi famigliari , amici, dipendenti, e persone che neppure conosce ma che transitano vicino o dentro i manufatti con presenza di amianto. Si può essere destinatari di procedimenti legali per non aver scelto di bonificare. Esiste un obbligo di manutenzione e controllo dei propri manufatti in Eternit e si è responsabili penalmente se si fanno autocertificazioni non corrispondenti al vero.



mercoledì 21 dicembre 2016

E ADESSO… BONIFICA ANCHE TU! - il corto con Michele Riondino e gli studenti di Casale Monferrato.

COMUNICATO STAMPA

LA RETE “SCUOLE INSIEME” di CASALE MONFERRATO e l’AFeVA
presentano
E ADESSO… BONIFICA ANCHE TU!
campagna di comunicazione social sulle bonifiche da amianto
nell’ambito del progetto web
“Amianto/Asbesto - il coraggio di conoscere il bisogno di andare oltre”



Gli studenti delle scuole di Casale Monferrato e l’attore Michele Riondino (interprete, fra le altre cose, del protagonista della serie TV “Il giovane Montalbano”), hanno realizzato, per la diffusione sui social network, un cortometraggio finalizzato a suscitare negli adulti una maggiore sensibilità sull’urgenza delle bonifiche da manufatti in cemento amianto e da polverino.

 “…ascoltate i vostri ragazzi!...”, dice il Commissario Montalbano, pensate al loro e al nostro futuro con maggior attenzione.

Gli studenti, interpreti di se stessi, hanno incontrano, nell’aula interattiva e multimediale AMIANTO/ASBESTO, allestita presso l’IIS BALBO, l’attore, reduce dall’aver condotto un partecipato incontro nell’aula magna del Liceo Balbo, alla presenza dell’Assessore alla Cultura del Comune di Casale Daria Carmi e di Assunta Prato di AFeVA, dedicato al confronto  di due grandi emergenze ambientali nate da attività indistriali: l’Eternit di Casale e l’Ilva di Taranto (città di origine di Michele Riondino).

Il cortometraggio è il risultato del lavoro di sceneggiatura e creazione di storyboard, iniziato a ottobre di quest’anno, con le scuole casalesi, per la realizzazione di una campagna social (“Casale Zero Amianto 2020”) per persuadere gli adulti ancora indecisi sull’urgenza e sulla necessità di bonificare le proprie proprietà (abitazioni, terreni, capannoni industriali…) da cemento amianto e polverino; bonifiche oggi economicamente sostenibili perché supportate da contributi pubblici.
Gli storyboard proposti sono stati pubblicati integralmente sul blog aulaamiantoasbesto.blogspot.com

Le proposte pervenute sono state sintetizzate nei dialoghi finali, tradotti poi nel cortometraggio girato sul set dell'aula “Amianto/Asbesto”, con la collaborazione tecnica di Ecofficina SRL. Un lavoro che ha reso gli studenti della scuola secondaria di primo e secondo grado protagonisti di un messaggio positivo di passione civile.

In allegato il testo dello spot che pubblicato sulla pagina Facebook del progetto (https://www.facebook.com/amiantoasbesto/), invitando gli utenti al commento e alla condivisione, per una massima diffusione.

La prima fase della campagna di comunicazione, che termina il 20 gennaio 2017 (data di conclusione del Nuovo bando del Casalese sulle bonifiche da amianto), si articolerà in post periodici su quanto effettuato (video interviste, dati, info-grafiche, informazione sui contributi, il punto di vista dell’amministrazione casalese espresso dal Sindaco e dall’Assessore all’Ambiente.

Questa iniziativa è una delle azioni previste dai percorsi didattici elaborati dalla Rete Scuole Insieme (aperto ad altre collaborazioni) che nell’anno scolastico in corso si prefigge di aiutare con percorsi didattici l’impegno degli studenti su tre temi:
- fare di Casale M.to, entro il 2020, LA PRIMA CITTÀ AMIANTO FREE
- partecipare a tutte le fasi del processo "Eternit bis”
- favorire la presenza al Parco Eternot, anche con proposte e idee







Storyboard del cortometraggio “E ADESSO… BONIFICA ANCHE TU!

Dialoghi
1- "I miei hanno il tetto del garage in amianto, e non c'é verso di convincerli a toglierlo!"
2- “Nel Casalese c’è un nuovo bando per le bonifiche, ma tanti adulti  sono ancora perplessi e indecisi… Eppure il tempo è poco. Il bando scade il 20 gennaio!”
3- “Eppure gli aiuti economici per la spesa da sostenere ci sono davvero”.
4- “Ma c’è chi dice che non vuole spendere, dato che il tetto è in buono stato e sarebbero soldi sprecati !?!”…
5- “Anche un tetto che pare integro può liberare fibre di amianto nell’aria”.
6- “Come si può far capire agli adulti una cosa così importante?”
7- “Hei!, raga!…  Non certo facendo loro sentire la canzone di Fedez Amore eternit…”
8- “Anche il filmato è…. Inguardabile!
9- “La mia sorellina mi ha dato un libretto che hanno realizzato a scuola...con un motivo rap che invita a utilizzare i contributi pubblici del 50%!”
(in mano srotola il lungo libretto a fisarmonica realizzato dalle elementari)
10- "Nel mio paese vicino a Casale i tetti in eternit abbondano un po' ovunque… Come si fa a far finta di niente!"
11- “Se non si toglie adesso tutto l'amianto dai tetti e non si cerca il polverino rimasto in giro…”
12- “Chiunque può respirarlo e saranno c… cavoli!…”

(entra in scena Michele Riondino)
1- (esitante): “Ehi! …, PPProf…!”
2- (interrompendo il compagno) “Ma che prof, stordito!… E’ il commissario Montalbano!”
3- “Michele ci hai sentiti? Ci aiuti?”

MICHELE RIONDINO: Ci provo…(Rivolgendosi agli adulti in camera)
Ascoltate i vostri RAGAZZI! Ora o mai più…, non perdete l'occasione! Non possiamo cancellare il dolore e i danni, ma possiamo risanare subito I cortile, le case, i capannoni  e … insieme … il nostro cuore e il nostro futuro”.

Coro degli studenti e dell’attore: “E adesso bonifica anche tu”.

I ragazzi che hanno partecipato alle riprese del cortometraggio:
Giorgia Garbarino, Lorenzo Olivieri, Giacomi Angeli, Nicola Mossone, Andrea Savallo, Moichele Bonicelli, Carolina Lazar, Sofia Mongiardo De Luca, Giorgia Prifti, Alessia Biginelli, Carlotta Deandrea, Sindi Islami, Samuele Ferrero, Matteo Milano, Gaia Cantamessa, Noemi Di Martino, Anita Fontana, Pamela Oglietti, Giorgia Raiteri delle Scuole IIC “Casale 1”, IIC “Casale 2”, IIS “Sobrero”, IIS “Balbo” e IIS “Leardi”.

per la Rete Scuole Insieme:

  • Emanuela Cavalli  Tel. 0142 452313
  • Adriana  Canepa  Cell. 3398001752

E ADESSO… BONIFICA ANCHE TU! - LE PROPOSTE DI SCENEGGIATURA E STORYBOARD

E ADESSO… BONIFICA ANCHE TU!
campagna di comunicazione social sulle bonifiche da amianto
nell’ambito del progetto web
“Amianto/Asbesto - il coraggio di conoscere il bisogno di andare oltre”



LE PROPOSTE DI SCENEGGIATURA E STORYBOARD

UNO.
Scuola Secondaria di primo grado  “Leardi” –Istituto Comprensivo Negri)
(CLASSI 3A e 3C)
prof.ssa Angela Della Rossa, prof.ssa Valentina Rinaldi, prof.ssa Claudia Melatini Tacchetti

LUOGO: scuola (davanti ai distributori automatici di bevande e merendine)
TEMPO: intervallo scolastico
PERSONAGGI: studenti, Michele Riondino

DIALOGHI.
SAMUELE: Ciao raga… Avete lavorato al progetto per la pubblicizzazione del bando di bonifica dell'amianto per il territorio di Casale?
SINDI: Sì, ho perso un'intera serata a pensarci!!!
CAROLINA: Anch'io, ma non mi è venuta in mente nessuna idea brillante, dobbiamo sbrigarci perché il bando scade tra breve.
MATTEO: Eh sì, il 20 gennaio è proprio vicino… È così difficile trovare le parole giuste per convincere qualcuno a fare qualcosa… E poi bisogna far capire che ora con il bando si può risparmiare una parte della spesa…
SOFIA: È vero, mi sembra che ci sia il rimborso della metà della spesa… Io avevo pensato di usare la canzone di Fedez, Amore eternit, ma ho visto il video e, raga, è da vomito…
GIORGIA: Hai ragione… Come si può far capire agli adulti una cosa così importante?
ALESSIA: Vi rendete conto che l'amianto ha fatto tanti morti e tanti ancora ne farà? Stiamo parlando del nostro futuro…
SAMUELE: Certo… Se non si toglie tutto l'amianto dai tetti e non si cerca il polverino rimasto in giro, ce lo respiriamo anche noi e saranno cavoli nostri…
SOFIA: È vero… Pensate che ho sentito i miei vicini di casa che dicevano che la zona di Casale è stata completamente bonificata e che l’amianto non è più un problema nostro… Cosa possiamo fare?
SINDI: Ehi, raga… Guardate chi sta arrivando… (incuriositi, tutti si girano verso la direzione indicata da Sindi) Quello non è il giovane Montalbano?
GIORGIA: Come si chiama?
SOFIA: Ma come? Non lo sai? È Michele Riondino…
CAROLINA: Chiediamo a lui…
MATTEO (esitante): Montalb… Ehm, no… PPProf…
ALESSIA: (interrompendo il compagno) Ma che prof, stordito… (Rivolgendosi a Michele Riondino) Michele, Michele, tu che hai risolto tanti casi nei tuoi film e ti sei anche impegnato per migliorare la tua Taranto perché non ci dai una mano a convincere gli adulti di Casale e dintorni a informarsi e aderire al nuovo bando di bonifica?
MICHELE RIONDINO: Non preoccupatevi, ragazzi; ci penso io. (Rivolgendosi agli adulti) Ora o mai più… Hai tempo fino al 20 gennaio per accedere ai fondi… Adesso è il momento giusto, non perdere tempo, non perdere l'occasione: togli l'amianto dalla tua città e regala ai tuoi figli e un futuro sano e pulito. Non pensarci, agisci!


DUE.
Liceo Classico e Scientifico “C. Balbo”.
Prof.sse Adriana Canepa, Chiara Miglietta, Patrizia Biasco, Simona Follese
IIA: Alessandro Cortellino, Sara Mecca, Andrea Savallo, Nicola Mossone,
Lorenzo Olivieri, Giacomo Angeli, Giorgia Garbarino

IIIA: Michele Bonicelli

DUE/A
Un insegnante sta approfondendo in classe l’argomento relativo all’impatto ambientale dell’amianto sul territorio casalese e nazionale, e la situazione è abbastanza infervorata. Mentre parla, scrive ETERNIT  a caratteri cubitali sulla lavagna.
La telecamera si sposta verso il corridoio, dove sta passando Michele Riondino nei panni di un bidello, che spinge il carrello degli attrezzi. Incuriosito dalla voce alta del professore, fa capolino nell’aula. Dopo aver letto alla lavagna continua la spiegazione del professore scrivendo alla lavagna ILVA e altri esempi di necessità di bonifica, poi posa il gesso e rivolto alla telecamera spiega la normativa e le condizioni per poter accedere ai fondi. Infine dice: “non possiamo cancellare il dolore e i danni, ma ricostruire le nostre case, il nostro cuore e il nostro futuro’. Si volta e con un colpo di straccio cancella la lavagna che ha riempito l’intera inquadratura e sulla quale compaiono scritte le informazioni utili. 

DUE/B
(studente CORTELLINO)
§  Un operaio lavora sul tetto di una casa sostituendo le lastre di amianto (bonifica)
§  Ad ogni parte di tetto sostituita dal portafoglio del proprietario spariscono dei soldi
§  Il proprietario è soddisfatto di avere concluso il lavoro, ma preoccupato per avere investito una cifra considerevole del suo modesto patrimonio, anche perché la sua occupazione non gli consente uno stile di vita agiato
§  Mentre il proprietario è immerso in queste preoccupazioni sente squillare il citofono, apre la porta e il focus della telecamera si concentra su una valigia che contiene molto denaro.
§  La scritta finale incentiva ad utilizzare i fondi dello Stato destinati alla bonifica e a fare così la differenza per sé e per la tutela della salute pubblica.

DUE/C
(studente MECCA)
§  Interviste a persone reali, o al mercato, o a scuola, chiedendo se hanno bonificato già il loro tetto se sono a conoscenza dell’esistenza di fondi stanziati per la bonifica e se pensano di volere sfruttare questa opportunità
§  L’ultima persona intervistata non ha ancora realizzato opera di bonifica;
§  In sottofondo si sente il ticchettio di un orologio che rallenta sempre di più, come ad indicare che il tempo a disposizione sta finendo (le domande vanno presentate entro il 20 gennaio)
§  Una voce fuori campo interviene suggerendo calorosamente di affrettarsi ad usufruire tempestivamente dei fondi
§  DUE/D
§  (studente GUAZZOTTI)
§  Inquadratura: giornale che riporta un titolo drammatico sull’amianto (per esempio un riferimento alle nuove vittime di mesotelioma)
§  Scena: in famiglia a tavola il padre legge ad alta voce il titolo
§  In quel momento il figlio interviene proponendo al padre di bonificare il proprio tetto di casa
§  Il padre risponde di non voler ancora affrontare tale spesa poiché il tetto gli pare ancora integro, e quindi sarebbero a suo giudizio soldi sprecati
§  Il figlio informa il padre sull’opportunità, descritta in un progetto scolastico, dei finanziamenti erogati dallo Stato per la bonifica
§  Il padre si persuade e, rivolgendosi in camera, rivolge lo stesso messaggio agli spettatori : “Adesso o mai più! Non perdete questo contributo:  contribuite alla tutela della salute di tutti!”
DUE/E
(studente ANGELI)
§  Il proprietario di una casa con il tetto in amianto, discutendo in famiglia, sostiene di non procurerei alcun danno all’ambiente perché non si vedono danni evidenti alla lamina
§  Zoom sul tetto, ingrandimento, immagine delle fibre che si liberano nell’aria da lesioni non visibili (realizzata con polvere di talco mossa da un soffio d’aria di ventilatore) e didascalia “ma in realtà sta succedendo questo…”
§  Spiegazione da voce fuori campo e/o scritta a video:  “anche un tetto apparentemente integro libera innumerevoli fibre di amianto nell’aria”
§  Il proprietario telefona per  informarsi sulla bonifica
§  Voce fuori campo: “Chiama anche tu e informati presso il tuo comune di residenza, fino al 20 gennaio sei in tempo per utilizzare i fondi!”
DUE/F
(studente SAVALLO)
§  Immagine di operai nel corso di una bonifica di un tetto
§  Immagine dello stesso tetto al termine del lavoro
§  Il proprietario si accinge a pagare, la camera inquadra il portafoglio aperto e la mano che estrae il denaro
§  Una figura istituzionale (es. Sindaco) interviene bloccandogli la mano e dicendogli “Offro io!”
§  Una voce fuori campo spiega i termini di legge e le condizione per usufruire dei fondi a disposizione per chi decide di bonificare
DUE/G
(studente ROVIGLIONE)
§  Ambientazione: bar
§  Protagonisti: alcuni anziani che discutono sulla bonifica
§  Due di loro raccontano di aver effettuato la bonifica, sfatando i luoghi comuni di chi tra di loro critica o è diffidente (per esempio in merito alle tempistiche di rimborso o all’effettiva erogazione del denaro al cittadino)
§  Schermo nero o immagine fotografica di una lamina di amianto fanno da sfondo a una voce che spiega, supportata da dati o parole chiave, l’attualità del problema-amianto, sottolineando come si muoia ancora e ancora si morirà
§  A caratteri cubitali una scritta conclusiva rinvia alla possibilità di avere fondi fin da subito e alla necessità di rispondere alla richiesta di bonifica fin da subito, tenendo in considerazione la scadenza del 20 gennaio
DUE/H
(studente SOFFIANTINO)
§  Immagini di repertorio (es. documentari Luce) della fabbrica Eternit
§  Testimonianza di una persona coinvolta direttamente nella vicenda Eternit (malato di mesotelioma, ex operaio, parente di un operaio)
§  Stop improvviso su un’immagine della fabbrica
§  Sfondo nero (per un paio di secondi)
§  Musica rasserenante e carrellata di immagini positive (Parco Eternot, tetti già bonificati, asilo davanti all’ex sito fabbrica)
§  Scritte e dati che descrivono gli effetti positivi della bonifica e incentivano a continuare con i lavori, sfruttando i fondi

TRE.
Liceo delle Scienze Applicate - I.S  A. Sobrero – classe 2°BL
Prof. Francesco Patrucco, Prof. Maria Chiara Rossi  
Studenti: Gaia Cantamessa, Noemi Di Martino, Anita Fontana, Pamela Oglietti,  Giorgia Raiteri, Valentina Brezza, Davide Caposiena, Cecilia Clerici, Luna Deandrea, Maria, Fiandra, Pietro Illengo, Fabio Provera.

Prima scena: inquadratura con messa a fuoco progressiva su un banco con un foglio con logo amianto, dopo la messa a fuoco cambio di scena con sfondo nero e scritta “Il domani è già qui” e si mette in evidenza il Bando 2016/2017
Focus telecamera su A.
-A (con aria stupita): Dal 20 ottobre si è aperto il bando per la richiesta di contributi per ridurre i manufatti di amianto, tu lo sapevi?
Focus telecamera su B con zoom all’indietro su ambo i protagonisti.
- B: Eh certo, pensa  fino al 2008 si sono rilevati più di 1200 casi di mesotelioma pleurico. Una vera e propria strage considerando che Casale Monferrato  ha circa 35000 abitanti. Io continuerò a manifestare con il tricolore ETERNIT GIUSTIZIA  sul balcone! È l’unica cosa che si possa fare.

Focus telecamera su C con zoom all’indietro su tutti e tre i protagonisti.
- C (con aria disillusa): Ma cosa importa, tanto non cambierà mai nulla! Casale è conosciuta come la città dell’amianto … Forse è solo una questione di tempo e di destino!
Focus telecamera su D con zoom all’indietro su tutti e quattro i protagonisti.
- D: Questo è un atteggiamento poco concreto: a forza di cercare alibi o accettare i fatti senza ribellarsi, la morte certo è una conseguenza inevitabile. Servono delle soluzioni, piuttosto…
Michele Riondino richiama l’attenzione e mostra due fotografie prese dal video realizzato da noi l’anno scorso: una su una copertura in Eternit e una sulla realizzazione del parco Eternot. Inquadratura su Riondino e poi su tutta la classe.
Michele Riondino- Il parco Eternot è già una prima grande vittoria. Non fermiamoci qui! Come direbbe il giovane Montalbano: A BADRUZZA O’ PAPA’, ACCUSSI’, ACCUSSI’, ACCUSSI’ e, per finire, ADDIFENDITI RINARDO.
Inquadratura su tutti:
D (con aria saccente): Signor Riondino ha ragione, non Sunnu cosi di Pirinnellu, operiamo assieme per combattere questa  Ruvina de la me’ casa!
Inquadratura su tutti. Tutti noi ci alziamo in piedi e applaudiamo.
Poi silenzio degli attori, inquadratura perpendicolare sul banco con il foglio logo amianto. Riondino sbatte il secondo foglio   (A-)  adesso basta su il primo foglio, di cui solo  la A rimane ben visibile. Poi lento passaggio di inquadratura su Riondino che dice:
Riondino: “E ora…. Bonifica anche tu”.       
                                                
QUATTRO.
Scuola media "Trevigi" -  III F
Prof. Chiara Lupano.
Luogo: davanti all'Aula Amianto
Dialogo
ragazzo 1: "E' incredibile, per quanto si parli della pericolosità dell'amianto e dell'importanza della bonifica, in giro ce n'è ancora tantissimo"
ragazzo 2: "Hai ragione: davanti a casa mia c'è un capannone con il tetto in amianto"
ragazzo 3: "Io abito in un paese vicino a Casale e i tetti in eternit abbondano un po' ovunque. Si sa che l'amianto uccide chi gli sta intorno, ma si fa finta di niente"
 ragazza 4: "I miei hanno il tetto del garage in amianto, e non c'é verso di convincerli a toglierlo!"
ragazzo 4 "Ma non sanno degli incentivi del Comune? Si è parlato molto anche del bando nella nostra classe"
ragazza 5: "Io non ne sapevo niente. Di cosa state parlando?"
ragazzo 6: Se fai domanda al Comune entro gennaio ti danno una parte di soldi necessari alla bonifica. Bisogna fare in fretta però"
ragazza7 "I miei sanno del contributo del Comune ma dicono di non avere i soldi per fare i lavori. Io, per convincerli, ho addirittura rinunciato alle vacanze. L'amiantoè percicoloso e ci può sottrarre il futuro!
Michele Riondino: “Conosciamo il colpevole: aiutaci a fermarlo!
Libera la tua vita dall'amianto”


CINQUE.
Scuola Primaria S.Maria del Tempio i.C. Anna d’Alencon- (frazione di Casale)
Ins. Mirella Bertana

QUESTO LIBRETTO E’ PER VOI DA NOI TUTTI
Il testo è a ritmo di rap
I fogli possono essere ritagliati e incollati su un cartoncino  (lunga striscia) impostato a libretto a fisarmonica
Consiglio: realizza altre copie e regala i libretti alle persone che vuoi tu.

TESTO
Loro l’hanno fatta e si sono tolti un peso
Loro l’hanno fatta e si sono tolti un peso
Un peso grande un peso che sa di amianto
Falla anche tu non aspettare più
? Non sai di che parliamo? A gran voce ve lo diciamo!
Su dai: la tua idea modifica e procedi lesto alla bonifica
Entro gennaio avrai un sicuro aiuto
Chiedi presto il contributo!
Chiedi presto il contributo!
Chiedi presto il contributo!
Chiedi presto il contributo!